Pagina principale
AIRBRUSH SUMMER CAMP 2016
AEROGRAFO SHOP
ISTITUTO EUROPEO AEROGRAFIA
ACQUAJOSS - IL PARCO ACQUATICO DELLA ROMAGNA
N/DN/D
Aerografo.com su Youtube
Clicca qui per visitare il canale

TIPI E CATEGORIE DI AEROGRAFO

L’aerografo è un strumento simile ad una piccola pistola a spruzzo, che si impugna come un pennarello, e che tramite l’aria compressa generata da un compressore esterno o alimentata da un serbatoio, nebulizza un fluido (generalmente colori e vernici, ma non solo) creando campiture omogenee o sfumature caratteristiche di questa tecnica. Gli aerografi sono praticamente tutti caratterizzati da un corpo affusolato, un pulsante per l’apertura della valvola dell’aria compressa, un puntale e un ago. Esistono due grandi famiglie di aerografi: quelli ad AZIONE SINGOLA, e quelli a DOPPIA AZIONE.

Azione singola

Gli aerografi ad AZIONE SINGOLA permettono di attivare solo l’apertura dell’aria quando si preme il pulsante (A). Il colore viene aspirato dal serbatoio e nebulizzato sulla estremità del puntale quando incontra il getto di aria compressa. Il colore può essere regolato solo prima di azionare l’aria, e non durante la sessione di lavoro, e il conseguente getto resta comunque uniforme fino al momento in cui ci si fermerà e se ne modificherà la quantità, regolandola mediante la rotazione della ghiera o del puntale (B), a seconda dei modelli. Gli aerografi ad azione singola sono indicati per spruzzature omogenee, campiture per sfondi, colorazioni in serie o ad intensità costante, come nel modellismo, la ceramica, il tanning, la cartellonistica ecc. Sono poco adatti però nell'illustrazione pura e in tutte le situazioni dove sia necessario poter variare la quantità di colore per ottenere effetti diversi dalla semplice campitura omogenea.

Doppia azione


Gli aerografi a DOPPIA AZIONE possono invece regolare contemporaneamente sia il flusso dell’aria che quello del colore. Essi si suddividono a loro volta in DOPPIA AZIONE INDIPENDENTE e DOPPIA AZIONE CONTROLLATA. Entrambe queste categorie azionano l’apertura dell’aria e la fuoriuscita del colore attraverso il PULSANTE, il che rende molto versatile lo strumento.
Nel caso degli aerografi a DOPPIA AZIONE INDIPENDENTE il tasto va premuto verso il basso per aprire la valvola dell’aria, e va trascinato verso la parte posteriore dell’aerografo per aprire il colore. Questo trascinamento lungo l’asse dell’aerografo fa indietreggiare l’ago, liberando l’ugello (o duse) e permettendo al colore di essere aspirato e di fuoriuscire per poi essere nebulizzato. Tanto più si fa indietreggiare l’ago attraverso il movimento del pulsante all’indietro, tanto più si libera l’ugello, tanto più colore fuoriesce.
Nel caso invece degli aerografi a DOPPIA AZIONE CONTROLLATA, l’azione di pressione del pulsante per aprire l’aria viene sostituita dal semplice trascinamento del pulsante lungo l’asse dell’aerografo verso la parte posteriore. La prima porzione di spostamento all’indietro apre l’aria, mentre proseguendo nello spostamento del pulsante, che comincia a trascinare l’ago all’indietro, si apre il colore e il funzionamento ricalca quello degli aerografi a doppia azione indipendente.Entrambi i tipi di aerografo a doppia azione sono particolarmente indicati nell'illustrazione, nel fotoritocco, nella decorazione, e in tutte le altre
 applicazioni dove sia indispensabile variare l'intensità e l'ampiezza dello spruzzo, controllando entrambe le funzioni nella sola mano che impugna lo strumento. Il primo tipo permette però di azionare entrambe le funzioni in maniera indipendente, mentre il secondo tipo aziona le due funzioni in maniera automatica e in successione fissa: tirando indietro il pulsante prima si apre l’aria e poi il colore; riportandolo nella posizione di riposo, prima si chiude il colore e poi si chiude l’aria.

Segue

Area Riservata Utente: Password:   Registrati   |   Password persa?
PayPal
Seguici su
Seguici su Facebook
Copyright Mario Romani 2012 - P.Iva 01230810390
Termini e Condizioni  |  Privacy  |  Contatti  |  Forum  |   Cookie Policy